Nuove ricette

10 migliori mercatini di Natale in Europa Slideshow

10 migliori mercatini di Natale in Europa Slideshow

10. Norvegia

Oslo ospita molti mercatini di Natale, che vanno dai mercati tradizionali che vendono artigianato e offrono gite in slitta trainata da cavalli a quelli che vendono abiti, gioielli e articoli in vetro firmati locali. Tre dei mercati più grandi sono la Fiera di Natale al Museo Norvegese di Storia Culturale, il mercatino di Natale a Spikersuppa, e la fiera di Natale a Bærums Verk. Le prelibatezze da provare includono aquavit (uno spirito a base di patate aromatizzato con erbe come semi di cumino, anice, aneto, finocchio e coriandolo), gløgg (la versione norvegese del vin brulè ha una miscela sciropposa rispetto a una miscela di erbe con mandorle essiccate e uvetta), juleøl (una lager più densa con spezie) e julebrus (una bevanda analcolica gassata rossa o dorata).

9. Irlanda

Il mercatino di Natale della Christ Church Cathedral si tiene nella struttura più antica di Dublino, creando uno sfondo magico per un paese delle meraviglie invernale. Aperto tutti i sabati di dicembre, il mercato offre artigianato locale, una visita di Babbo Natale e cibo e bevande. Prova la cioccolata calda e le torte tritate del Christ Church Café.

8. Svizzera

Zurigo è la patria di molti meravigliosi mercatini di Natale, tra cui Hauptbahnhof, Il più grande mercato coperto d'Europa, che si tiene nella stazione ferroviaria centrale della città. Il mercato presenta un albero di Natale di 50 piedi e più di 160 chalet in legno. Fai un viaggio separato in città Baur au Lac hotel, che ha l'albero di Natale più grande di Zurigo adornato con 38.880 luci.

7. Inghilterra

L'Inghilterra ospita molti mercatini di Natale, tra cui quello di Birmingham Mercatino di Natale di Francoforte, il più grande mercatino di Natale in stile tedesco al di fuori della Germania. Aperto da metà novembre fino al 22 dicembre, il mercatino di Natale di Francoforte presenta 180 chalet luminosi sparsi in Victoria Square, Chamberlain Square e New Street. Le prelibatezze da provare includono marzapane umido, vin brulé e ricco pan di zenzero. Uno dei più grandi mercati nel Regno Unito è Il mercatino di Natale di Manchester, che presenta centinaia di bancarelle scintillanti in otto località del centro città che offrono tutti gli spuntini invernali necessari come vin brulè e dolci, è aperto da metà novembre al 23 dicembre. Uno dei mercati più accessibili è quello di Londra Paese delle meraviglie invernale, un villaggio bavarese in Hyde Park. I festaioli possono dare un'occhiata al nuovo Magical Ice Kingdom, 200 tonnellate di ghiaccio e neve scolpite in un bizzarro paese delle meraviglie invernale, oltre a sorseggiare sidro caldo e vin brulé mentre banchettano con cibi di fattoria. Il Winter Wonderland è aperto da metà novembre al 6 gennaio.

6. Finlandia

Un trio di città finlandesi - Helsinki, Turku e Tampere - ospitano i mercatini di Natale. Turku, la "Città di Natale della Finlandia", ospita a vivace mercato del fine settimana nella Old Great Square che presenta prodotti artigianali e prelibatezze natalizie come i biscotti di pan di zenzero. Il mercato è aperto fino al 16 dicembre. Tampere's Negozio natalizio è aperto tutti i giorni dal 5 dicembre al 23 dicembre e offre artigianato tradizionale natalizio e altri prodotti dalla Finlandia e dall'estero. Nella capitale della Finlandia ci sono diversi mercati, tra cui il Mercatino di Natale di San Tommaso in Piazza del Senato, aperta tutti i giorni dal 7 dicembre al 22 dicembre. Un secondo mercato a Vecchia casa dello studente presenta 160 venditori che vendono candele, articoli a maglia, ceramiche e vestiti ogni giorno dal 9 dicembre al 21 dicembre.

5. Danimarca

Natale, chiamato luglio, in Danimarca si celebra con visite al Mercatino di Natale ai Giardini di Tivoli a Copenaghen. Il mercato presenta un villaggio di Natale con bancarelle che vendono artigianato tradizionale, bigiotteria religiosa, gløgg (una potente variante di vin brulè aromatizzato con uvetta, mandorle, bastoncini di cannella e chiodi di garofano immersi in acquavite o grappa), Julebryg (birre di Natale) e æbleskivers , una delizia simile a una ciambella spolverata di glassa, zucchero e una cucchiaiata di marmellata di ribes nero.

4. Austria

Il Mercatino di Natale di fronte Castello di Schönbrunn offre artigianato tradizionale, decorazioni natalizie fatte a mano e un vasto programma per bambini, tra cui un laboratorio di Natale dalla fine di novembre al 1 gennaio. Le prelibatezze da provare includono elementi della fontana di cioccolato, pan di zenzero, lebkuchen, biscotti natalizi, punch caldo, vin brulé e tè.

3. Spagna

La Fira de Santa Llúcia nella Plaça de la Catedral di Barcellona è il mercatino di Natale più tipico della città ed è organizzato ogni anno dalla cattedrale della città. È qui che la gente del posto va a fare scorta degli elementi essenziali del Natale catalano, tra cui un albero di Natale, decorazioni e caganer (una statuina accovacciata e che fa la cacca del presepe) e il Tió de Nadal, un registro festivo che "caca" i regali dei bambini alla vigilia di Natale .

2. Belgio

Il miglior mercatino di Natale delle meraviglie invernali del Belgio è alla Grand Place a Bruxelles e intorno alla Borsa, Place Sainte-Catherine e il Marché aux Poissons. Il mercato presenta 250 bancarelle, giostre come una ruota panoramica e una giostra, una pista di pattinaggio e un Winter Café, un albero di Natale e uno spettacolo di luci notturne. Le prelibatezze da provare al mercato, aperto tutti i giorni dal 30 novembre al 6 gennaio 2013, includono i cuberdon (cioccolatini duri all'esterno ma morbidi e gommosi all'interno che sono disponibili in più di 30 gusti dalla mela allo speculoos (un biscotto speziato), cioccolatini belgi e vasetti di moules (cozze), patatine fritte belghe, waffle belgi, crostini di stagione (ciambelle di zucchero) e birra belga.

1. Germania

Situato in Marienplatz, il Christkindlmarkt di Monaco di Baviera risale al XIV secolo, quando in Germania si tenevano i cosiddetti mercati di Nicholas. Tuttavia, non è stato fino al 1642 che il primo mercatino di Natale, Nikolaidult, è stato ufficialmente registrato negli annali della città. Al mercato si vendevano panpepato Lebkuchen di Norimberga, zwetschgenmanderl (statuine della natività e figure di spazzacamino a forma di prugne e mandorle) e piccole immagini di carta di San Nicola. Nel XVI secolo, quando i tedeschi iniziarono ad allontanarsi dalla figura di San Nicola come portatore di doni a favore di Gesù Bambino, il mercato di Natale fu associato alle festività natalizie. Dal 1972, il Christkindlmarkt di Monaco si tiene nella piazza centrale di Monaco. Oggi il festival yuletide presenta un albero di Natale alto 100 piedi con 3.000 lucine scintillanti, il mercato della mangiatoia che raffigura scene della natività e molti degli stessi prodotti di un tempo, inclusi dolci come lebkuchen e zwetschgenmanderl. Le prelibatezze da provare includono vin brulè, idromele, mandorle e castagne tostate, salsicce alla griglia e dolci dell'Avvento come i biscotti speziati e la torta magenbrot.


Le 10 migliori tradizioni culinarie festive in Europa

Durante le festività la capitale portoghese va in overdose di torte, dessert, pasticcini fritti ecc., con la gente che fa la fila per acquistarli in pastelarias (panifici). I miei preferiti sono sonhos (sogni) – ciambelle fritte leggere, cosparse di zucchero e cannella. Si possono fare con farina e uova, oppure con farina e purè di zucca lessa. Ce ne sono di buoni al Pastelaria Versailles, un bellissimo caffè in stile art nouveau che risale al 1922. Tuttavia, bolo rei (torta del re) è probabilmente il trattamento più popolare e lo vedrai ovunque. Il vecchio caffè Confeitaria Nacional (vicino a piazza Rossio) ha introdotto questa torta francese a Lisbona nel 19° secolo, e ora è cotta in tutto il paese. È secco, di pasta morbida, e non troppo dolce, con noci e canditi. Bolo-rainha è lo stesso ma senza i canditi. Chi trova la fava secca nascosta dentro deve comprare il prossimo bolo rei.
Célia Pedroso, che offre tour gastronomici di Lisbona attraverso cuisinebackstreets.com


Le 10 migliori tradizioni culinarie festive in Europa

Durante le festività la capitale portoghese va in overdose di torte, dessert, pasticcini fritti ecc., con la gente che fa la fila per acquistarli in pastelarias (panifici). I miei preferiti sono sonhos (sogni) – ciambelle fritte leggere, cosparse di zucchero e cannella. Si possono fare con farina e uova, oppure con farina e purea di zucca lessa. Ce ne sono di buoni al Pastelaria Versailles, un bellissimo caffè in stile art nouveau che risale al 1922. Tuttavia, bolo rei (torta del re) è probabilmente il trattamento più popolare e lo vedrai ovunque. Il vecchio caffè Confeitaria Nacional (vicino a piazza Rossio) ha introdotto questa torta francese a Lisbona nel 19° secolo, e ora è cotta in tutto il paese. È secco, di pasta morbida, e non troppo dolce, con noci e canditi. Bolo-rainha è lo stesso ma senza i canditi. Chi trova la fava secca nascosta dentro deve comprare il prossimo bolo rei.
Célia Pedroso, che offre tour gastronomici di Lisbona attraverso cuisinebackstreets.com


Le 10 migliori tradizioni culinarie festive in Europa

Durante le festività la capitale portoghese va in overdose di torte, dessert, pasticcini fritti ecc., con la gente che fa la fila per acquistarli in pastelarias (panifici). I miei preferiti sono sonhos (sogni) – ciambelle fritte leggere, cosparse di zucchero e cannella. Si possono fare con farina e uova, oppure con farina e purè di zucca lessa. Ce ne sono di buoni al Pastelaria Versailles, un bellissimo caffè in stile art nouveau che risale al 1922. Tuttavia, bolo re (torta del re) è probabilmente il trattamento più popolare e lo vedrai ovunque. Il vecchio caffè Confeitaria Nacional (vicino a piazza Rossio) ha introdotto questa torta francese a Lisbona nel 19° secolo, e ora è cotta in tutto il paese. È secco, di pasta morbida, e non troppo dolce, con noci e canditi. Bolo-rainha è lo stesso ma senza i canditi. Chi trova la fava secca nascosta dentro deve comprare il prossimo bolo rei.
Célia Pedroso, che offre tour gastronomici di Lisbona attraverso cuisinebackstreets.com


Le 10 migliori tradizioni culinarie festive in Europa

Durante le festività la capitale portoghese va in overdose di torte, dessert, pasticcini fritti ecc., con la gente che fa la fila per acquistarli in pastelarias (panifici). I miei preferiti sono sonhos (sogni) – ciambelle fritte leggere, cosparse di zucchero e cannella. Si possono fare con farina e uova, oppure con farina e purè di zucca lessa. Ce ne sono di buoni al Pastelaria Versailles, un bellissimo caffè in stile art nouveau che risale al 1922. Tuttavia, bolo rei (torta del re) è probabilmente il trattamento più popolare e lo vedrai ovunque. Il vecchio caffè Confeitaria Nacional (vicino a piazza Rossio) ha introdotto questa torta francese a Lisbona nel 19° secolo, e ora è cotta in tutto il paese. È secco, di pasta morbida, e non troppo dolce, con noci e canditi. Bolo-rainha è lo stesso ma senza i canditi. Chi trova la fava secca nascosta dentro deve comprare il prossimo bolo rei.
Célia Pedroso, che offre tour gastronomici di Lisbona attraverso cuisinebackstreets.com


Le 10 migliori tradizioni culinarie festive in Europa

Durante le festività la capitale portoghese va in overdose di torte, dessert, pasticcini fritti ecc., con la gente che fa la fila per acquistarli in pastelarias (panifici). I miei preferiti sono sonhos (sogni) – ciambelle fritte leggere, cosparse di zucchero e cannella. Si possono fare con farina e uova, oppure con farina e purè di zucca lessa. Ce ne sono di buoni al Pastelaria Versailles, un bellissimo caffè in stile art nouveau che risale al 1922. Tuttavia, bolo rei (torta del re) è probabilmente il trattamento più popolare e lo vedrai ovunque. Il vecchio caffè Confeitaria Nacional (vicino a piazza Rossio) ha introdotto questa torta francese a Lisbona nel 19° secolo, e ora è cotta in tutto il paese. È secco, di pasta morbida, e non troppo dolce, con noci e canditi. Bolo-rainha è lo stesso ma senza i canditi. Chi trova la fava secca nascosta dentro deve comprare il prossimo bolo rei.
Célia Pedroso, che offre tour gastronomici di Lisbona attraverso cuisinebackstreets.com


Le 10 migliori tradizioni culinarie festive in Europa

Durante le festività la capitale portoghese va in overdose di torte, dessert, pasticcini fritti ecc., con la gente che fa la fila per acquistarli in pastelarias (panifici). I miei preferiti sono sonhos (sogni) – ciambelle fritte leggere, cosparse di zucchero e cannella. Si possono fare con farina e uova, oppure con farina e purea di zucca lessa. Ce ne sono di buoni al Pastelaria Versailles, un bellissimo caffè in stile art nouveau che risale al 1922. Tuttavia, bolo rei (torta del re) è probabilmente il trattamento più popolare e lo vedrai ovunque. Il vecchio caffè Confeitaria Nacional (vicino a piazza Rossio) ha introdotto questa torta francese a Lisbona nel 19° secolo, e ora è cotta in tutto il paese. È secco, di pasta morbida, e non troppo dolce, con noci e canditi. Bolo-rainha è lo stesso ma senza i canditi. Chi trova la fava secca nascosta dentro deve comprare il prossimo bolo rei.
Célia Pedroso, che offre tour gastronomici di Lisbona attraverso cuisinebackstreets.com


Le 10 migliori tradizioni culinarie festive in Europa

Durante le festività la capitale portoghese va in overdose di torte, dessert, pasticcini fritti ecc., con la gente che fa la fila per acquistarli in pastelarias (panifici). I miei preferiti sono sonhos (sogni) – ciambelle fritte leggere, cosparse di zucchero e cannella. Si possono fare con farina e uova, oppure con farina e purè di zucca lessa. Ce ne sono di buoni al Pastelaria Versailles, un bellissimo caffè in stile art nouveau che risale al 1922. Tuttavia, bolo rei (torta del re) è probabilmente il trattamento più popolare e lo vedrai ovunque. Il vecchio caffè Confeitaria Nacional (vicino a piazza Rossio) ha introdotto questa torta francese a Lisbona nel 19° secolo, e ora è cotta in tutto il paese. È secco, di pasta morbida, e non troppo dolce, con noci e canditi. Bolo-rainha è lo stesso ma senza i canditi. Chi trova la fava secca nascosta dentro deve comprare il prossimo bolo rei.
Célia Pedroso, che offre tour gastronomici di Lisbona attraverso cuisinebackstreets.com


Le 10 migliori tradizioni culinarie festive in Europa

Durante le festività la capitale portoghese va in overdose di torte, dessert, pasticcini fritti ecc., con la gente che fa la fila per acquistarli in pastelarias (panifici). I miei preferiti sono sonhos (sogni) – ciambelle fritte leggere, cosparse di zucchero e cannella. Si possono fare con farina e uova, oppure con farina e purè di zucca lessa. Ce ne sono di buoni al Pastelaria Versailles, un bellissimo caffè in stile art nouveau che risale al 1922. Tuttavia, bolo re (torta del re) è probabilmente il trattamento più popolare e lo vedrai ovunque. Il vecchio caffè Confeitaria Nacional (vicino a piazza Rossio) ha introdotto questa torta francese a Lisbona nel 19° secolo, e ora è cotta in tutto il paese. È secco, di pasta morbida, e non troppo dolce, con noci e canditi. Bolo-rainha è lo stesso ma senza i canditi. Chi trova la fava secca nascosta dentro deve comprare il prossimo bolo rei.
Célia Pedroso, che offre tour gastronomici di Lisbona attraverso cuisinebackstreets.com


Le 10 migliori tradizioni culinarie festive in Europa

Durante le festività la capitale portoghese va in overdose di torte, dessert, pasticcini fritti ecc., con la gente che fa la fila per acquistarli in pastelarias (panifici). I miei preferiti sono sonhos (sogni) – ciambelle fritte leggere, cosparse di zucchero e cannella. Si possono fare con farina e uova, oppure con farina e purè di zucca lessa. Ce ne sono di buoni al Pastelaria Versailles, un bellissimo caffè in stile art nouveau che risale al 1922. Tuttavia, bolo re (torta del re) è probabilmente il trattamento più popolare e lo vedrai ovunque. Il vecchio caffè Confeitaria Nacional (vicino a piazza Rossio) ha introdotto questa torta francese a Lisbona nel 19° secolo, e ora è cotta in tutto il paese. È secco, di pasta morbida, e non troppo dolce, con noci e canditi. Bolo-rainha è lo stesso ma senza i canditi. Chi trova la fava secca nascosta dentro deve comprare il prossimo bolo rei.
Célia Pedroso, che offre tour gastronomici di Lisbona attraverso cuisinebackstreets.com


Le 10 migliori tradizioni culinarie festive in Europa

Durante le festività la capitale portoghese va in overdose di torte, dessert, pasticcini fritti ecc., con la gente che fa la fila per acquistarli in pastelarias (panifici). I miei preferiti sono sonhos (sogni) – ciambelle fritte leggere, cosparse di zucchero e cannella. Si possono fare con farina e uova, oppure con farina e purea di zucca lessa. Ce ne sono di buoni al Pastelaria Versailles, un bellissimo caffè in stile art nouveau che risale al 1922. Tuttavia, bolo rei (torta del re) è probabilmente il trattamento più popolare e lo vedrai ovunque. Il vecchio caffè Confeitaria Nacional (vicino a piazza Rossio) ha introdotto questa torta francese a Lisbona nel 19° secolo, e ora è cotta in tutto il paese. È secco, di pasta morbida, e non troppo dolce, con noci e canditi. Bolo-rainha è lo stesso ma senza i canditi. Chi trova la fava secca nascosta dentro deve comprare il prossimo bolo rei.
Célia Pedroso, che offre tour gastronomici di Lisbona attraverso cuisinebackstreets.com


Guarda il video: Mercatini di Natale di Verona u0026 SerenoVariabile 2011 (Novembre 2021).